Francesco Moretti iniziò a Comun Nuovo (Bg) l’attività di inventore e costruttore di macchine agricole intorno al 1890, giungendo alla costruzione della sua prima trebbiatrice tra il 1895 ed il 1901. Negli anni Dieci, l’azienda Moretti era ampiamente attiva nel settore della trebbiatura per conto terzi con 12 coppie di locomobile-trebbiatrice e divenne il “trebbiatore” più importante della Lombardia. Oltre al contoterzismo, la Moretti, che conservò sempre il carattere di piccola-media impresa a conduzione familiare, si occupava anche di riparazione di macchine agricole.

Tra il 1890 ed il 1945 vennero prodotte 2.200 macchine tra cui seminatrici da grano e da granoturco, trebbiatrici da grano, imballatrici pressapaglia, sfibra steli granoturco, sgranatoi a mano per il granoturco. Nel 1946 la ditta creò le prime seminatrici moderne in ferro e si specializzò sulle seminatrici monogerme con spandiconcime.

Nel 1949 ebbe inizio la collaborazione con la SAME di Treviglio, sia per la costruzione di macchine ed attrezzature speciali da applicare ai trattori SAME, sia per la rappresentanza e vendita degli stessi nella provincia di Bergamo e in Valle Camonica. Tra il 1949 ed il 1968 vennero costruite 3.900 macchine da applicare a trattori SAME. In particolare le tipologie di prodotto furono seminatrice da grano, voltafieno a forche applicato, scavapatate e bietole, falciatrice frontale, sega circolare, falciatrice laterale, rimorchi monoasse e a due assi, fresatrice. La ditta Moretti produsse sia attrezzature, sia ad esempio maschere di foratura, assali anteriori, ganci per rimorchi monoasse, carrelli fornace, rimorchi industriali, lame apripista, sgombraneve.

Gli anni Cinquanta e Sessanta furono anni di intensa attività se si pensa alla partecipazione all’importante Fiera di Milano a cui seguirono, negli anni successivi, Verona, Bari (fiera del Levante) e Bologna.

Il 1960 segnò una svolta decisiva per la ditta, che abbandonò definitivamente l’attività di trebbiatura conto terzi per dedicarsi alla rappresentanza, alla fabbricazione e al commercio di macchine agricole. Dagli anni Settanta invece si specializzò nella costruzione di pale caricatrici, escavatori industriali e macchine per movimento terra.

Nel 2000 cessa l’attività di concessionaria SAME. Si calcola che la vendita dei trattori SAME, durante questi 50 anni, abbia superato le 2.300 unità.

Nel 2013 grazie alla volontà degli eredi Gianfranco, Sergio ed Enzo, l’Archivio Storico e Museo SAME hanno ricevuto in donazione l’importante patrimonio documentario della ditta Moretti, composto da oltre 450 unità archivistiche tra cui pubblicazioni tecniche e pubblicitarie, materiale amministrativo, fotografie e disegni tecnici.